scrivere in ottica seo

Ecco come scrivere un buon testo Seo Oriented

Febbraio 26, 2019thefashionsavage

Vi siete mai chiesti cosa sia la scrittura in termine Seo?

Dare una risposta potrebbe sembare complicato ma per ottenere un risultato valido in termine Seo devo, prima di tutto devo compredere cosa sia il Seo Copywriting.

Spesso si da per scontato tutto questo, mi sembrano lontani anni luce i periodi in cui nella mia ignoranza scrivevo articoli su blogger e ricevendo visite ero felice, siamo onesti! Nel 2013 quando ho aperto il mio primo blog su blogger non sapevo nemmeno cosa fosse il Seo Copywriting, è vero però che in quell’anno ero occupata tra esami e studio all’Università quindi il mio scrivere era solamente un passatempo. Per fortuna a distanza di anni ho studiato e scritto così tanto che ormai posso dire di saperne qualcosina in più di Seo.

Se ci pensate fino a pochi anni fa non esistevano temi che parlassero di questi argomenti, quel che posso dire è che invece di scrivere perchè Google ci noti e ci indicizzi è fondamentale scrivere per le persone. Dobbiamo saper scrivere testi che sappiano suscitare la curiosità dei nostri lettori, e per capire a chi ci rivolgiamo dobbiamo partire dall’analisi.

table web marketing

SEO copywriting significa scrivere bene essendo (anche) a conoscenza delle regole di Google. Ma soprattutto significa saper fare un’analisi delle parole chiave, dell’intento di colui che compie la ricerca.

Il più delle volte chi si avvicina alla Seo si sofferma sulle buone pratiche per ottimizzare una pagina che sono uguali per tutti: come scrivere il title, la meta description, l’URL, il tag H1 e così via. Queste sono identiche per qualunque progetto.

Ciò che cambia però è la parte analitica. Devo comprendere, quali sono le esigenze del target. Cosa significa in termini di posizionamento sui motori di ricerca? La SEO senza aver prima fatto una buona analisi non esisterebbe, e questa consiste prevalentemente nel saper scegliere in modo corretto le parole chiave.

seo the fashion savage

Alcuni tool Seo da poter usare

Prima di farvi conoscere alcuni tools per keywords vorrei precisare che per scegliere delle parole chiave non basta semplicemente usare un tool. Che si usino ottimi strumenti come: SEOZoom, Keyword Planner di AdWords, SEMRush, Google Trends o altri sono pur sempre tool che vanno usati con criterio ed intelligenza.

I tool ci possono offrire dei volumi, dei dati sugli utenti che cercano determinate parole chiave ma non sapranno dirci quali (tra quelle a disposizione) siano le migliori keywords per il nostro progetto perchè di fatto un tool non saprà cosa cerchi di vendere, che progetto stai sviluppando e cosa cerchi di proporre con il tuo sito.

Quanti tipi di ricerche possiamo sfruttare?

Ogni persona effettua ricerche per ragioni diverse. Possiamo raggrupparle in tre categorie di ricerca in 3 famiglie:  navigazionale, informativo, commerciale. Questi tre intenti sono diversi tra loro.

Chi usa WP (come me) ha un grande alleato infatti questo CMS ha al suo interno la distinzione tra pagine e articoli che ci aiuta a impostare correttamente il sito in base all’intento di ricerca.

Conoscere il progetto così da sfruttare in modo efficace il SEO Copywriting.

Una volta compreso l’intento di ricerca, la seconda cosa da fare è individuare il progetto. Non posso effettuare una valida analisi se voglio vendere vasi da fiori e non conosco il settore. Lo stesso concetto va applicato nel caso in cui io voglia svolgere un’attività per un cliente e non ne conosco ne l’azienda ne il prodotto che offre ed i competitor.

Devo essere a conoscenza di quali sono le parole importanti per il mio progetto. Come dicevo all’inizio, una keyword può avere un volume piuttosto significativo, ma può essere inutile per il progetto in questione.

Conoscere lo scopo della ricerca e il progetto che sto svolgendo sono le prime cose necessarie per la riuscita di un’analisi delle parole chiave. Tutti questi elementi insieme porteranno alla definizione della parte operativa. Con la conoscenza dello scopo della ricerca e la chiara conoscenza del progetto possiamo fare il cosiddetto seeding.

Svolgere il seeding significa in parole povere inserire nel nostro tool preferito le keywords più importanti  per ricevere le informazioni necessarie a comprendere quali saranno le parole chiave più giuste da usare.

Se svolta in modo corretto questa parte ci permetterà di fare pulizia così da scartale le keywords che non ci serviranno per il nostro progetto.

Organizzare le parole chiave nel piano editoriale, il piano editoriale è l’anima del nostro blog. Infatti è un documento in cui si elencano tutti i nostri obiettivi, target, concorrenza etc. Dobbiamo creare una mappa mentale dei nostri contenuti

Devi creare una mappa mentale dei contenuti ed annotare tutto ciò che è emerso dall’analisi SEO. Il calendario editoriale. Per il mio modo di operare per creare il mio calendario editoriale è usare un foglio di testo con una lista di titoli da sviluppare per i miei articoli con annotata accanto la data di pubblicazione e le query che ruotano intorno a tale ricerca.

Dove vanno inserite le keywords e come si inseriscono ?

Questo è uno degli aspetti più interessanti del lavoro di ottimizzazione SEO dei testi: come e dove inserire le parole chiave. Allora, lo dico subito: mai puntare su testi studiati intorno al concetto di keyword density. Non esiste, è un concetto inutile e dannoso.

Il lavoro di SEO copywriting riguarda, la scrittura pensata per gli esseri umani e va migliorata attraverso le ricerche. Un minimo di attenzione dev’essere prestata all’uso delle parole chiave, ed è indispensabile per suggerire a Google di cosa stiamo parlando.

scrivere in ottica seo

Ok Jasmine, ma…Riassumendo?

Bhe il tag title è decisivo, deve da subito descrivere l’argomento del nostro articolo. Lo stesso vale per la meta description, il permalink e il testo alternative dell’immagine. Quante keyword devo inserire nel testo?

In linea di massima le regole fondamentali sono:

  • Scrivi bene, non ripetere parole a caso tanto per allungare il testo (sarebbe controproducente e rischieresti di stancare il lettore).
  • Usa le keyword nel tuo tag title.
  • Presta attenzione al permalink.
  • Inserisci una meta description efficace.
  • Aggiungi link interni che rimandano ad altri tuoi articoli.
  • Ottimizza le immagini.
  • Aggiungi sempre le keyword nell’H1.

Partendo dall’analisi ed organizzando il tutto con il tuo piano editoriale e le mappe mentali, utilizzando le keyword nel modo giusto sarai in grado di scrivere un buon testo Seo Oriented.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prev Post

Pixie mood e la weekender bag

Febbraio 25, 2019

Next Post

crema viso per la cura della pelle

Per avere la pelle curata bastano 10 minuti al giorno

Febbraio 27, 2019